Chi ha fumato qualche spinello in passato o recentemente, può diventare donatore?

Pubblicato il Pubblicato in Miscellanea, Ultime

riceviamo e rispondiamo pubblicamente alla email di Fabio giunta in questi giorni

Bella domanda! Il giudizio in questo caso spetta esclusivamente al medico responsabile della selezione, dopo avere parlato con il diretto interessato ed avere valutato la sua affidabilità comportamentale. In ogni caso, lo spinello non deve essere un’abitudine, ma un “incidente” di percorso e l’aspirante donatore deve essere consapevole del ruolo morale che svolge: è un portatore di vita e come tale deve comportarsi, rispettando il suo corpo e facendo le scelte giuste. Il donatore si deve un po’ considerare autenticamente, testimonial dei buoni stili di vita. Senza presunzione e senza integralismi salutistici.

Risposta a cura della dott.ssa M. C. – coordinatrice del progetto nelle  scuole “Avis in felpa e jans” (Avis di base Università e Parma Lirica)

Un pensiero su “Chi ha fumato qualche spinello in passato o recentemente, può diventare donatore?

  1. Ciao a tutto il gruppo dell’Avis di base Università di Parma,
    desideriamo complimentarci pubblicamente e per l’entusiasmo che traspare dal sito.
    Bravissima Miriam a risponde con competenza ma anche col cuore. Condividiamo con forza quello che esprime Miriam: «Senza presunzione e senza integralismi salutistici».
    Complimenti e tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *